DRIEU LA ROCHELLE

PIERRE DRIEU LA ROCHELLE, LA COMMEDIA DI CHARLEROI – FAZI, ROMA 2014

Di Pierre Drieu La Rochelle avevo letto con ammirazione, anni fa, Racconto Segreto, una sorta di diario tragico e lucidissimo in cui registrava le sue riflessioni sul suicidio, e sulla sua irrevocabile e meditata decisione di darsi la morte (cosa che puntualmente avvenne nel 1945). Ora l’editore Fazi ristampa questi sei racconti pubblicati per la prima volta in Francia nel 1934: un percorso insieme ebbro e rabbioso tra le trincee, il sangue e le disillusioni provocate nella popolazione europea dalla ferocia della prima guerra mondiale. Racconti forse non eccezionali, ma scritti con lo stile asciutto ed elegante proprio dell’autore francese, e rivelativi della sua ideologia, assolutamente e quasi orgogliosamente reazionaria, elitaria, di chi si sente superiore non solo alle masse, ma addirittura alla Storia, quando questa non riesce ad essere all’altezza delle aspettative che ha creato, quando abdica a ogni onore e decenza. Drieu La Rochelle, collaborazionista e simpatizzante per il nazismo, misogino e fanatico, sembra prendere a pretesto in questi racconti l’epopea di un disastro umano, per gridare violentemente tutta la sua indignazione contro ufficiali vigliacchi e impreparati, truppe codarde, bellimbusti che si fanno esonerare dal combattimento, reduci vanagloriosi e disertori senza pudore: “l’umiliazione di tutta quella mediocrità fu per me il peggior supplizio della guerra”. Orrore e disprezzo per i vinti e gli sconfitti (“la massa che ama la propria miseria è sempre pronta ad accogliere nuove miserie?”, “Ipocriti, tranquilli, assaporavano la loro piccola vita”) e, più in generale, per “la bruttezza, questa malattia dei nostri giorni”. Pena, tuttavia, per i corpi giovani portati al macello, per lo squallore di agonie vissute nel fango: ma soprattutto per l’eroismo che gli veniva negato: “Mi ero levato, levato tra i morti, tra le larve… Ero dunque io, quel forte, quel libero, quell’eroe. Era dunque la mia vita, quell’ebbrezza che non si sarebbe mai fermata…”.

IBS, 27 giugno 2014