HIGHSMITH

PATRICIA HIGHSMITH, SCHEGGE DI VETRO – BOMPIANI, MILANO 2005

Patricia Highsmith (1921-1995) autrice americana di noir, fu tanto nota quanto schiva e poco interessata a coltivare pubbliche relazioni: visse molti anni in Svizzera in una casa di montagna riattata, dedicandosi ai suoi romanzi e a piccoli lavori di falegnameria. Dai suoi libri furono tratti film famosi, come L’altro uomo di Alfred Hitchcock e L’amico americano di Wim Wenders, grazie alla trama fittissima di avvenimenti e al notevole spessore psicologico dei personaggi, elementi di ovvio interesse per ogni sceneggiatura. Come giallista, ebbe la pregevole qualità di saper ambientare le sue trame in realtà sociali indagate con attenzione quasi antropologica, e con uno spirito critico acuto e risentito. Ma dei dodici racconti presentati nell’antologia Schegge di vetro solo alcuni riescono a rispettare atmosfere e ritmi tipici dell’autrice, indagando turbamenti privati (quanti matrimoni falliti, famiglie angosciate, invidie professionali, psicosi trascurate!) e malesseri collettivi (periferie violente, corruzione, inquinamento): altri sembrano fluttuare tra il fantascientifico e un immaginoso poco convinto di sé.
Qua e là rispunta il tono mordace e satirico della Highsmith migliore: nella descrizione del conformismo medio-borghese, della vacuità del mondo accademico, dell’asfissia di rapporti sentimentali oppressivi. I due racconti più riusciti mi sono sembrati Lo stagno e Il farfallino di Woodrow Wilson. Nel primo, una giovane vedova ritiratasi in campagna col suo bambino viene sopraffatta dal crudele antropomorfismo di un acquitrino infestato da erbacce, di cui rimangono vittime sia lei sia il figlio. Nel secondo, un fattorino psicopatico affascinato dalle statue del Museo delle Cere della sua cittadina compie (per sfida, noia e scherno) una strage notturna all’interno dell’edificio, e pur incolpandosene apertamente non viene creduto né dalla polizia né dagli psichiatri, che lo ritengono un innocuo mitomane in cerca di celebrità.

 

© Riproduzione riservata         www.sololibri.net/Scheggedivetro-Highsmith.html        7 novembre 2016