CHODASEVIC

LA PIOGGIA

 

Di tutto sono felice: della città fradicia,

dei tetti, fino a ieri polverosi,

che oggi, lustri come seta lucida,

brillano in rivoli d’argento.

 

Felice della mia passione spenta,

guardo dalla finestra sorridendo,

mentre passi oltre veloce

per la strada scivolosa, sola.

 

Felice che più forte cada la pioggia,

mentre, riparata in un androne altrui,

tu rovesci l’ombrello bagnato,

sgrullandoti dalla pioggia.

 

Felice che tu mi abbia dimenticato

quando esci da quel portico,

senza uno sguardo alla mia finestra,

senza rivolgermi il viso.

 

Felice che sia tu a passare oltre,

eppure che io possa vederti,

che tanto magnifica e innocente

passi col suo ardore la primavera.

 

 

                                                                                                 Vladislav Chodasevic (1886-1939)