LA PORTA

FILIPPO LA PORTA, UN’IDEA DELL’ITALIA – ARAGNO, TORINO 2012

Quasi 150 recensioni su scrittori italiani (di successo, esordienti, semisommersi, scomparsi: narratori puri, pamphlettisti, saggisti) che negli ultimi dieci anni il critico Filippo La Porta ha pubblicato su riviste e quotidiani, limitate coerentemente in una misura rigorosa, di quasi due cartelle. Nei suoi articoli, La Porta si vincola al rispetto fedele di un severo ruolino di marcia: una fulminante frase d’apertura che condensa spettacolarmente il libro di cui si parla, in seguito il riassunto della trama e qualche notizia sull’autore, e infine il giudizio di valore sulle qualità letterarie del prodotto editoriale esaminato. Seguendo con riconoscenza le orme del suo maestro Geno Pampaloni, La Porta si propone come obiettivo di riuscire a risalire dall’opera all’autore, dallo stile al ritratto psicomorale, rischiando di suo anche giudizi azzardati o contestabili: convinto com’è che “un romanzo ci aiuta a capire il mondo, e noi stessi, quanto più riusciamo a descriverlo con precisione”, e che ogni opera vada interrogata “alla luce dei dilemmi morali del nostro tempo”. Quindi questa sua carrellata non esaustiva sulla recente narrativa italiana può aiutare a comporre un ritratto della società italiana attuale, con i suoi pregi e difetti, eroismi e compromessi, scandali e assoluzioni. Il volume si compone di due sezioni, dedicate alla scrittura di fiction e a quella più riflessiva, e i nomi prescelti vanno dai più famosi (La Capria, Saviano, Busi), ai più nuovi e promettenti (Nori, Cerasa, Raparelli), dai classici (D’Annunzio) a una notevole presenza femminile (Murgia, Ravera, Agus, Mazzucco…), dai critici letterari ( Fofi, Berardinelli, Benedetti, Fortini) fino ad outsiders come Sottsass, Battista, Bonami-Volpi, Castaldo. Molti elogi convinti, parecchie condivisioni entusiastiche, qualche distinguo e circospezione, in pratica inesistenti le stroncature: forse uno sguardo troppo generoso sul nostro paese e sulla sua produzione letteraria.

IBS, 2 luglio 2012